Welcome
Advertising is the way great brands get to be great brands.
We Are Awesome Folow Us
  • No products in the cart.

Tipografia Unione ha ormai sessant’anni di storia. Questa nostra storia nasce al maschile nel 1960 con il fondatore Bruno Bertoldo, che decide di mettersi in gioco e da operaio diviene imprenditore. Fin dall’inizio l’azienda poggia su solide fondamenta. Queste sono un’etica del lavoro rigorosa e onesta, una cultura aziendale del tutto personale, ma nel contempo condivisa ed amata da tutti i collaboratori. In altre parole, la cultura del fare le cose “a modo nostro”.

Grazie ai valori espressi nel corso degli anni, molti sono stati i riconoscimenti che ha ricevuto. Tra questi l’inserimento nel 1974 nell’Albo d’Oro de Il Messaggero Economico Italiano per la sua attività professionale e più recentemente, nel 2007, la premiazione a Bruno Bertoldo come «Mastro Artigiano» da parte della Confartigianato Vicenza. Altrettante le collaborazioni importanti. Si ricordano quella con il pittore e illustratore Toni Vedù, che ha realizzato il logo per il trentesimo anniversario dalla fondazione e Dino Durante per «El Strologo». Al 2000 risale, poi, la stampa dei manifesti per il celebre carnevale di Venezia, grazie alla fiducia e stima del conte Paolo Marzotto, in un periodo in cui ancora non usciva nessuno stampato dalla laguna. Infine, merita una citazione il museo allestito all’interno della Tipografia, con i vecchi macchinari e mobili da tipografo che dialogano con quelli più moderni.

UN’AZIENDA DECLINATA AL FEMMINILE

Negli ultimi anni la Tipografia è cresciuta ulteriormente anche grazie alla figlia Fiorella, nata nello stesso anno di fondazione dell’azienda. Fiorella ha scelto così di proseguire il mestiere del padre affiancandolo e portando determinazione, competenza e soprattutto continuità nei valori. Per diversi anni ha fatto parte del direttivo della Confartigianato Vicenza. Nel 2006, inoltre, assieme a quattro imprenditori ha costituito il «Consorzio NEC» (NordEst Comunicazioni).

Oggi la Tipografia è interamente declinata al femminile, con Fiorella e sua figlia Giulia Manea, entrata nel 2010. La concretezza del mestiere, la ricerca ossessiva della qualità, l’attenzione per il cliente e la spinta costante all’innovazione sono i tratti distintivi del loro modo di lavorare. Nel maggio 2015, infine, si forma «Unione Collector», luogo e progetto di produzione culturale della Tipografia.