Foto con due esempi di pietra litografica

LA PIETRA LITOGRAFICA

Una scoperta “casuale”.

La litografia è una tecnica di stampa da cui deriva l’odierna tecnologia offset. Essa fu inventata nel 1796 dall’austriaco Alois Senefelder (1771-1834) adoperando una pietra proveniente dalle cave di Solnhofen, non lontano da Monaco di Baviera. Sebbene la scoperta sia stata, forse, casuale, essa si deve ai molti tentativi e studi precedenti. Il fenomeno su cui si basa, ossia la reciproca repulsione fra acqua e sostanze grasse era noto, invero, sin dall’antichità. Nello specifico la pietra litografica ha una struttura granulare fine e regolare composta di carbonato di calcio. Una volta levigata accuratamente la pietra viene disegnata con una matita grassa, cosicché nelle parti non disegnate (dette contrografismi) trattiene un sottile strato d’acqua che il segno grasso al contrario respinge. In questo modo quando si passa l’inchiostro, quest’ultimo viene trattenuto solo dalle parti grasse.

La litografia si diffuse in Italia e Francia già tra il 1805-1806, ma presto la lastra in pietra fu sostituita da una di zinco, aprendo così la strada, verso il 1840, alle macchine pianocilindriche.

In foto due esempi di pietra litografica.

Foto con due esempi di pietra litografica

Vieni a trovarci e scopri il piccolo museo di Tipografia Unione.

exquisite accessory
materials or
different versions

Comments are closed.